Tags:
, view all tags

Casi d'uso di OpenStack


Gestione di un volumi su VM in modo che agiscano da storage persistente

Per fornire alle VM uno spazio dove salvare i dati in maniera persistente, si crea un volume Nova sul server che ospita il servizio Nova Volume, si associa ad una VM e lo si monta sulla VM. I file scritti in questo volume rimarranno persistenti. Quando l'associazione tra il volume e la VM verrà tolta e il volume verrà associato ad un'altra VM, questa vedrà i file salvati in precedenza sulla prima VM.

  • Sul server che ospita il servizio Nova Volume (openstack-01.cnaf.infn.it nel prototipo in esempio), creare un volume di 10 GB:
    # nova volume-create --display_name <VOLUME_NAME> 10  
    
    Dove <VOLUME_NAME> è il nome del volume che si vuole creare.

  • Mostrare tutti i volumi esistenti:
    # nova volume-list
    

  • Un volume in stato "available" può essere associato ad una istanza col seguente comando:
    # nova volume-attach <INSTANCE_ID> <VOLUME_ID> <MOUNT_POINT>
    
    Dove:
    • <INSTANCE_ID> è l'id dell'istanza che si vuole associare al volume
    • <VOLUME_ID> è l'id del volume ottenuto col comando nova volume-list
    • <MOUNT_POINT> è la partizione della macchina virtuale che verrà montata (ad esempio /dev/vdc)

  • Il Compute Node dove gira l'istanza gestisce una connessione iSCSI e crea una sessione. Per verificare che la sessione sia stata creata:
    # iscsiadm -m session
    
    con output del tipo:
    tcp: [1] 172.16.40.244:3260,1 iqn.2010-10.org.openstack:volume-1
    

  • Loggarsi sulla instanza e verificare che lo spazio sia visibile con i comandi dmesg | tail e fdisk -l . L'output di quest'ultimo dovrebbe contenere delle righe del tipo:
    Disk /dev/vdc: 10.7 GB, 10737418240 bytes
    16 heads, 63 sectors/track, 20805 cylinders
    Units = cylinders of 1008 * 512 = 516096 bytes
    Sector size (logical/physical): 512 bytes / 512 bytes
    I/O size (minimum/optimal): 512 bytes / 512 bytes
    Disk identifier: 0x9dbd69c6
    

  • Configurare lo spazio col seguente comando interattivo:
    # fdisk /dev/vdc
    
    Di seguito i passi da seguire:
    1. Digitare n per creare una nuova partizione
    2. Digitare p per creare una partizione primaria
    3. Digitare 1 per designarla come la prima partizione
    4. Premere ENTER due volte per accettare il default del primo e ultimo cilindro.
    5. Digitare t, selezionando la nuova partizione
    6. Digitare 83 per settare il tipo della partizione a 83 (tipo Linux)
    7. Digitare p per visualizzare il setup della partizione. La prima partizione è chiamata /dev/vdc1
    8. Digitare w per scrivere la partition table ed uscire da fdisk
    9. Infine formattare la partizione e montarla
      • # mkfs.ext4 /dev/vdc1
      • # mkdir /extraspace
      • # mount /dev/vdc1 /extraspace

  • L'associazione tra volume e istanza può essere eliminata tramite il comando:
    # nova volume-detach <INSTANCE_ID> <VOLUME_ID>
    

  • In questo modo il volume è disponibile per essere associato ad un'altra istanza, sulla quale sarà sufficiente montare il volume per poterlo utilizzare:
    # mkdir /extraspace
    # mount /dev/vdc1 /extraspace 
    


-- EnricoFattibene - 2012-10-17

Edit | Attach | PDF | History: r5 | r4 < r3 < r2 < r1 | Backlinks | Raw View | More topic actions...
Topic revision: r1 - 2012-10-17 - EnricoFattibene
 
  • Edit
  • Attach
This site is powered by the TWiki collaboration platformCopyright © 2008-2020 by the contributing authors. All material on this collaboration platform is the property of the contributing authors.
Ideas, requests, problems regarding TWiki? Send feedback